Breaking News

Farmaci contraffatti. Calano i furti negli ospedali, ma l’attenzione della criminalità si sposta sul web

Nelle strutture sanitarie si è passati dalle 5-6 segnalazioni al mese nel 2013 a nessuna tra maggio 2014 e dicembre 2015. Sono diminuiti i furti di camion contenenti farmaci: dal 20% del 2013 al 3% nel 2015. È quanto emerso nel corso della Conferenza Internazionale del progetto europeo “Fakeshare II” coordinato dall’Aifa.
La lotta al crimine farmaceutico sta dando i suoi frutti. I furti negli ospedali da maggio 2014 a dicembre 2015 si sono fermati. I canali un tempo praticati da Big crime sono stati, infatti, bloccati dall’intensa attività di monitoraggio messa in atto dalle agenzie di controllo. Ma non si può abbassare la guardia perché la criminalità lentamente sta trovando strade alternative per riorganizzarsi, andando extra Ue o direttamente nel mercato nero sul territorio. Ma anche i social network stanno diventando un mercato molto appetibile per il crimine farmaceutico. È questo lo scenario emerso nel corso della Conferenza Internazionale sulla seconda fase del progetto europeo “Fakeshare”, coordinato dall’Agenzia Italiana del Farmaco e co-finanziato dal Programma “Prevention of and fight against crime’ nato con l’obiettivo di proteggere la salute dei cittadini dai pericoli che arrivano dal commercio illegale di farmaci sul web.