Breaking News

Immunoterapia contro melanoma e cancro al polmone: cambiano le cure per migliaia di pazienti

A Copenaghen si apre il Congresso
Europeo di Oncologia
L’italiano Fortunato Ciardiello, presidente eletto degli oncologi europei, anticipa le ultime novità e conferma: «Italia fra i Paesi con cure e sopravvivenza migliori». 
Quasi mille italiani ogni giorno ricevono una diagnosi di tumore. I casi sono in aumento fra le donne e in calo fra gli uomini, ma quello che veniva un tempo considerato un «male incurabile» è divenuto in moltissimi casi una patologia dalla quale si può guarire o con la quale si può comunque convivere anche per anni. «Merito delle nuove cure e della diagnosi sempre più precoce, che ci consente d’individuare la malattia agli stadi iniziali quando le probabilità di sopravvivenza sono maggiori - spiega Fortunato Ciardiello, ordinario di Oncologia Medica della Seconda Università di Napoli e presidente eletto dell’Esmo, la Società Europea di Oncologia Medica, il cui convegno annuale si apre oggi a Copenaghen -. Proprio le novità terapeutiche sono al centro del congresso, insieme all’ormai fondamentale attenzione per la qualità di vita dei malati, proprio in virtù dell’esercito crescente di pazienti che al cancro sopravvivono. Un esercito che nel nostro Paese è formato da oltre tre milioni di persone». E per informare meglio la popolazione lunedì 10 ottobre è previsto un collegamento in diretta su Corriere.it fra Copenaghen e Napoli: alcuni fra i maggiori oncologi italiani, testimonial e pazienti parleranno di prevenzione, ricerca e cura.