Breaking News

Antidepressivi. Pedicini (M5S): “Lorenzin tace su rischi di quei farmaci a base di paroxetina”



Così a distanza di un anno, e dopo due lettere ufficiali l'eurodeputato del M5s torna a sollecitare l'attenzione della ministra sulla vicenda. Nelle lettere, tra le altre cose, Pedicini chiedeva alla ministra di far sapere quali siano stati i risultati e le conclusioni raggiunte dal tavolo tecnico di monitoraggio sull'uso degli psicofarmaci contenenti paroxetina. 
"Assurdo comportamento della ministro della Salute Lorenzin sulla vicenda degli antidepressivi a base di paroxetina che, somministrati a bambini e ragazzi, potrebbero provocare comportamenti violenti e tendenze suicide". Così a distanza di un anno, e dopo due lettere ufficiali l'eurodeputato del M5s Piernicola Pedicini torna a sollecitare l'attenzione della ministra sulla vicenda. Pedicini, che è coordinatore della Commissione ambiente e sanità del M5s al Parlamento europeo, aveva segnalato alla Lorenzin la "pericolosità" della somministrazione dei suddetti psicofarmaci, in quanto "vari e autorevoli studi internazionali avevano denunciato un aumento clinico delle problematiche comportamentali", ha sottolineato l'eurodeputato. Pedicini lancia ora un nuovo appello alla ministro per dare risposte alle tante segnalazioni ricevute da genitori che hanno figli in cura con farmaci a base di paroxetina.