Breaking News

Epilessia in età pediatrica. Pronte le linee guida per il trattamento

Saranno presentate domani all’Aou Meyer di Firenze. Le linee guida sono il risultato di 3 anni di lavoro condotto dall’ospedale fiorentino e dalla Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Sinipia) con il coinvolgimento di 8 società scientifiche, 5 associazioni laiche a tutela delle persone con epilessia ed esperti indipendenti. 
Tre anni di lavoro, durante i quali sono stati visionati più di 10 mila articoli scientifici, di cui 100 selezionati per la loro rilevanza, studiati e analizzati, con il coinvolgimento di 8 società scientifiche, 5 associazioni laiche a tutela delle persone con epilessia e esperti indipendenti. E’ l’impegno che ha richiesto lo sviluppo delle linee-guida sul trattamento dell’epilessia in età pediatrica (risultato dell’aggiornamento del documento del National Institute for Health and Care Excellence), promosso dall’AOU Meyer insieme alla Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (SINPIA). Il documento, l’unico interamente dedicato all’epilessia in età pediatrica, contribuisce al miglioramento dell'appropriatezza d'uso dei farmaci anti-epilettici, e sarà presentato mercoledì 25 gennaio dalle ore 10.30 alle 13.30, nell'Aula Magna dell'AOU Meyer. L’incontro sarà preceduto dai saluti di Alberto Zanobini, Direttore Generale del Meyer e da Luigi Dei, Rettore dell’Università di Firenze. Saranno presenti, tra gli altri, Renzo Guerrini, Direttore del Centro di eccellenza di Neuroscienze del Meyer e promotore dell’iniziativa nel suo ruolo di Coordinatore della Sezione di Neurologia della SINPIA, Antonella Costantino, Presidente SINPIA. Le conclusioni saranno di Giuliano Avanzini, Primario emerito del "Carlo Besta" di Milano, Bernardo Dalla Bernardina, Ordinario di Neuropsichiatria Infantile dell’Università di Verona e Federico Vigevano, Responsabile del Dipartimento di Neuroscienze e Neuroriabilitazione del Bambino Gesù di Roma. Parteciperanno rappresentanti del Ministero della Salute e di Regione Toscana.