Breaking News

Un nuovo intervento «made in Italy» rigenera i tendini della spalla

Si utilizza tessuto adiposo, ricco di cellule staminali, tratto dal paziente stesso. 
Gli specialisti Usa a scuola da quelli italiani dell’Istituto Ortopedico Gaetano Pini di Milano per imparare un nuovo metodo utilizzabile di routine nella riparazione artroscopica dei tendini della cuffia dei rotatori della spalla, messo a punto da Pietro Randelli, direttore della Prima Divisione dell’Istituto milanese. Ecco in breve la tecnica: dopo il prelievo di tessuto adiposo addominale del paziente, si ottiene per microframmentazione un prodotto lipoaspirato contenente cellule staminali che possono essere utilizzate durante la procedura artroscopica per favorire e accelerare la guarigione tendinea. 
Complicanze evitate 
I tempi d’intervento sono ridotti al minimo, così come i disagi per il paziente che può contare su un impianto autologo, cioè derivato dal suo stesso corpo e che quindi non lo espone a problemi di rigetto. «Il tessuto lipoaspirato potenzia l’attivazione dei processi di rigenerazione tissutale con un decorso post-operatorio e una guarigione migliori - puntualizza i Randelli -. Si riducono così i problemi di recidiva da sempre incontrati nella riparazione tendinea, procedura che, anche se eseguita chirurgicamente alla perfezione, può spesso andare incontro a recidive non prevedibili, che dipendono sia dalla risposta biologica del singolo paziente, sia dai diversi stimoli meccanici cui si è sottoposti».