Breaking News

Vaccini, raggiunto accordo Stato-Regioni, serve una legge nazionale su obbligo

Intesa all'unanimità per garantire copertura in nidi e materne. Nascerà anche anagrafe vaccinale.
L'intesa per una una legge nazionale che "in tempi brevi" stabilisca l'obbligatorietà dei vaccini ora c'è. Ieri durante l'incontro con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin per la verifica e l'avvio del nuovo Piano nazionale della prevenzione vaccinale 2017-19, gli assessori delle Regioni e delle Province autonome hanno espresso il proprio favore a una legge che renda obbligatorie le vaccinazioni al fine dell'accesso alle scuole dell'infanzia e dell'obbligo. Per il ministro si apre così una "proficua interlocuzione" che però dovrà passare al vaglio del governo e del ministo per l'Istruzione in particolare. L'orientamento manifestato dalle Regioni segue la decisione presa da Toscana e Emilia-Romagna che hanno da poco approvato due leggi per rendere obbligatorie le vaccinazioni per i bambini che si iscrivono al nido o alla materna. Anche Trieste ha preso un provvedimento analogo e in questa direzione si stanno muovendo anche Lazio e Puglia. Una stretta decisa dopo l'allarme provocato dai recenti casi di meningite. Ora la decisione di adottare una norma a livello nazionale che renda obbligatori tutti i vaccini costituisce un passo avanti. L'obiettivo è evitare provvedimenti 'a macchia di leopardo' e garantire l'uniformità dell'offerta vaccinale sul territorio. In generale, spiega Antonio Saitta, assessore della regione Piemonte e coordinatore della Commissione salute della Conferenza delle Regioni, l'incontro "ha consentito di porre le basi per garantire un'applicazione omogenea del piano su tutto il territorio nazionale. Le nuove vaccinazioni contenute nel piano sono comprese nei nuovi livelli essenziali di assistenza (Lea) e conseguentemente, come è emerso nel colloquio con il ministro, si pone l'esigenza di una condivisione Stato-Regioni del percorso applicativo".