Breaking News

SICUREZZA DELLE CURE E RESPONSABILITA' SANITARIA - 13 APRILE 2017 - Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Salerno

La nuova legge “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”, arriva all’approvazione dopo un percorso lungo e travagliato, che ha richiesto riflessioni e modifiche nel corso del proprio iter. Di fatti con questa legge si è cercato di porre in equilibrio la tutela del cittadino rispetto all’eventuale danno, cui potrebbe andare incontro nel percorso assistenziale e la tranquillità degli operatori sanitari, perché si impegnino con la necessaria serenità nella erogazione dell’assistenza; il tutto avendo sullo sfondo la sicurezza delle cure e la vigilanza delle Aziende Sanitarie e un adeguato sistema assicurativo obbligatorio. Il Legislatore di fatto ha cercato di legiferare nel superiore interesse generale, ascoltando tutti gli attori in campo e ricercando l’equilibrio del diritto di tutti i soggetti interessati. Quella che ci si propone di esaminare è una novazione normativa che viene fatta con lo spirito di rafforzare il rapporto di fiducia necessario ed indispensabile tra medico – rectius equipe terapeutica – e paziente, che costituisce di per sé il presupposto per ogni guarigione; come diceva Frued si può affermare che “ È lecito pensare che la volontà di guarire o il desiderio di morire non siano irrilevanti per l'esito di casi gravi ed incerti di malattia ” Come dice il titolo della legge l’attenzione è da porre su la “sicurezza delle cure e della persona assistita”, concetto che passa da un lato per la rassicurazione data al cittadino che il proprio diritto al risarcimento del danno riconosciuto in caso di palese imperizia sia ottenibile con strada certa, e dall’altro per la rassicurazione offerta al professionista circa i criteri con i quali la propria perizia sarà giudicata. Molta è la strada che cittadini, giurisprudenza e professionisti della sanità dovranno fare per un’applicazione condivisa che permetta il raggiungimento di quest’obiettivo; quest’evento si candida ad essere un primo passo di questo percorso. 

 Fonte: www.ordinemedicisalerno.it