Breaking News

XVII Convegno nazionale Ingegneri clinici, a Genova dal 6 all’8 aprile. La persona al centro della sanità digitale

I temi del convegno sono quelli più delicati e nevralgici per lo scenario della digital healthcare, all'interno del quale l’ingegneria clinica si è ritagliata negli anni uno spazio insostituibile: dalle reti tecnologiche in sanità alle biotecnologie, dalla portabilità-mobilità-apps utili per il monitoraggio della salute alla sicurezza informatica, fino al digital network tra ospedali nazionali-internazionali. 
“Le tecnologie digitali in sanità sono la chiave di volta di un nuovo Servizio Sanitario Nazionale sostenibile, di alta qualità, ben distribuito e finalmente omogeneo su tutto il territorio nazionale. Noi ingegneri clinici e biomedici vogliamo contribuire al dibattito attuale ricordando che l'innovazione non è un magico toccasana, ma uno strumento essenziale all'interno di scelte politiche e organizzative per una sanità che voglia davvero avere il paziente al centro della sua azione”: con queste parole Lorenzo Leogrande, presidente nazionale Aiic, introduce il XVII Convegno Nazionale dell'Associazione Italiana Ingegneri Clinici-AIIC che si apre domani a Genova (6-8 aprile, Magazzini del Cotone) con il titolo “Tecnologia e Persona: la sfida dell'Innovazione”.   I temi del convegno sono quelli più delicati e nevralgici per lo scenario della digital healthcare: reti tecnologiche in sanità; biotecnologie e biomedicina “a servizio del Ssn”; portabilità-mobilità-apps utili per il monitoraggio della salute personale; sicurezza informatica ed hackers di dati e profili biomedici; digital network tra ospedali nazionali-internazionali; ospedali e cure 4.0; trasparenza negli appalti tecnologici e regole anti-corruzione; realtà aumentata a disposizione degli operatori e dei responsabili della sicurezza; rapporto tra università e industria sui temi dell'innovazione concreta.   Nello scenario di questi argomenti l’ingegneria clinica si è ritagliata negli anni uno spazio insostituibile come motore dell’innovazione tecnologica a beneficio in primis dei pazienti, come anche degli operatori e dei processi organizzativi.