Breaking News

Napoli. Centro trapianti pediatrico Monaldi. Nanni Costa (Cnt): “Troppe morti, buon senso sospendere attività”. Ed è polemica





NANNI COSTA (CNT)
Il Comitato dei genitori bimbi trapiantati definisce quelle di Nanni Costa parole “sconcertanti” ed evidenzia come “egli stesso ha peccato di irresponsabilità nel corso del suo mandato” per non essere “intervenuto in tempo debito”. Sulla stessa linea il M5S: “Chi doveva controllare, cioè lo stesso Nanni Costa, cosa ha fatto oltre a parlare di ‘buon senso'?”.
“Credo che sul Monaldi sia stato messo in atto un approccio di buon senso perché negli ultimi tre anni si è registrata una mortalità eccessiva”. Lo ha detto all'Ansa il direttore del Centro Nazionale Trapianti, Alessandro Nanni Costa, in relazione alla sospensione delle attività del centro trapianti presso l'ospedale Monaldi di Napoli. Nanni Costa, intervenuto nei giorni scorsi alla presentazione di “Partenope Dona”, manifestazione per sensibilizzare alla donazione degli organi, ha affermato che “non si può portare avanti un'attività se non ci sono le condizioni di sicurezza che vanno ristabilite, attività per cui - ha aggiunto - so che c'è grande attenzione da parte della Regione, del presidente De Luca e della direzione del Monaldi.
E' necessario - ha concluso Nanni Costa - che vengano fatte delle scelte relative alla riorganizzazione perché il modello precedente non ha prodotto risultati”. Ma le parole di Nanni Costa non sono state accolte con favore dai genitori dei bimbi trapiantati. Dafne Palmieri, presidente del Comitato dei genitori, ha definito “sconcertanti le parole del dottor Nanni  Costa che, a questo punto sono una dichiarazione di colpevolezza”.