Breaking News

Il MASSAGGIO CARDIACO diventa un incredibile VIDEOGIOCO formativo per i ragazzi!



MASSAGGIO CARDIACO VIDEOGIOCO
I videogiochi talvolta possono servire per cose molto importanti ed aumentare la conoscenza! Lo dimostra, uno studio pubblicato su Resuscitation condotto da IRC – Italian Resuscitation Council, che da anni si occupa della formazione degli operatori sanitari e dei laici alla rianimazione cardiopolmonare. 

Il videogioco si chiama Relive ed è "un'avventura di fantascienza che trasporta il giocatore in un'esplorazione su Marte — spiega Federico Semeraro, presidente di IRC — e che conduce il protagonista ad affrontare situazioni impreviste e pericolose che richiedono conoscenze di primo soccorso. Per salvare i suoi compagni privi di sensi il giocatore dovrà perfezionare la tecnica del massaggio cardiaco». 

Lo studio, condotto su 65 studenti dell’Istituto tecnico superiore Belluzzi di Bologna e del Liceo scientifico Filippo Buonarroti di Pisa (età media, 16 anni), dimostra che Relive aumenta la conoscenza sui temi dell’arresto cardiaco e migliora l’abilità di eseguire le compressioni toraciche. Gli studenti sono stati coinvolti in tre diverse fasi, per un totale di otto mesi di studio. Inoltre, a soli tre mesi di distanza dalla prima sessione di gioco, i ragazzi ricordavano come fare il massaggio, ma non solo, il 73% di loro ha migliorato le conoscenza sui temi dall’arresto cardiaco e della rianimazione cardiopolmonare. 

anche con le indicazioni delle Linee guida di ERC: la prestazione migliora se si dispone di uno strumento che ti consente il riscontro immediato di quanto stai facendo. Quello che ci ha sorpreso invece è che a distanza di mesi, e senza la guida di Relive, i ragazzi abbiano mantenuto un buon livello sia nella profondità sia nella frequenza del massaggio cardiaco».

Lo studio dunque conferma ancora una volta l’importanza di formare al primo soccorso grazie al DL sulla “buona scuola” che ha introdotto l’obbligo della formazione sulle tecniche di primo soccorso nelle scuole secondarie di primo e secondo grado.