Breaking News

Lettera Aperta: il Dott. Pierluigi Franco scrive alla Ministra Grillo

Dott. Pierluigi Franco - Segretario Nazionale UGL Medici
Illustre Ministra on. Grillo, i rendimenti della Salute Pubblica in Italia ma, soprattutto nelle regioni meridionali non sono più soddisfacenti.
Il divario tra nord e sud, paradigma di una questione meridionale mai completamente risolta, appare ancora più accentuato se si analizzano i temi della Salute collettiva.
La perdurante migrazione sanitaria verso il nord (di pazienti ma anche di operatori), il permanere di molte regioni meridionali in un, percepito perenne, piano di commissariamento per il rientro dal deficit, lo spadroneggiare di collaudati sistemi di potere territoriali che sopravvivono a qualsiasi tentativo di spoils sistem intrapreso, sono alcuni aspetti del problema.
Angosciante per me, medico che ha scelto di continuare a lavorare in prima linea, più che triste e deprimente, è assistere ai singoli fatti di Cronaca: effetti finali delle profonde contraddizioni della Sanità Italiana a Lei chiarissime, come risulta dai Suoi primi pregevoli interventi sul merito.
Non sarà, credo, con le indagini della magistratura, con le guerre e gli avvicendamenti, politici o di potere, con le proteste e le denunce veementi di sindacati, di associazioni di categoria e di consumatori, che si risolverà però il problema.
Il cenno da Lei fatto alla pletora di laureati in Medicina che non riescono ad accedere alle Scuole di Specializzazione post laurea e, di fatto, all'esercizio della professione Medica, per un blocco del tavolo di trattativa nazionale ormai due anni fa al ministero della Sanità, per perplessità della conferenza Stato Regioni, sulla Istituzione degli ospedali di formazione, mi ha riempito di gioia e di speranza.
La nostra proposta è quella di istituire di nuovo dei tavoli di riflessione tra Governo, Regioni, Sindacati fino a promuovere di nuovo gli Stati Generali della Sanità con il fine ultimo di pervenire ad un miglioramento delle condizioni della Salute Pubblica, sia dal punto di vista dei cittadino che da quello del lavoratore.
Siamo convinti che solo così, dalla collaborazione tra Governo e corpi intermedi, potrà essere avviata una nuova stagione per la sanità in Italia.


Dott. Pierluigi Franco, Segretario Nazionale UGL Medici