Breaking News

Ordine Biologi e Società Italiana di Genetica Umana: "No a test genetici nelle farmacie, sono fuori dai percorsi delineati dal Ministero della Salute"

Logo ONB-SIGU
ROMA. In una nota congiunta, l'Ordine Nazionale dei Biologi e la Società Italiana di Genetica Umana esprimono "forte preoccupazione per l'articolo apparso su alcuni organi di stampa ed, in particolare, sulla rivista Farmacista33, il 19 febbraio del 2020, dal titolo 'Test genetici, Assofarm: accessibili a tutti nelle farmacie comunali' ove si annuncia che 'le farmacie comunali avvieranno una partnership con un'azienda specializzata nel sequenziamento del DNA'. Nell'articolo si afferma che '...praticamente ogni cittadino potrà disporre di diagnosi di malattie genetiche rare, conoscere la predisposizione al cancro o a specifiche malattie cardiovascolari".  Queste affermazioni sono in aperto contrasto con le linee-guida per le attività di genetica medica approvate dalla Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 15 luglio 2004 ove si specifica che i test genetici devono essere svolti in strutture qualificate, con personale dotato di specifica professionalità (biologi o medici con specializzazione in genetica medica) e devono essere necessariamente preceduti e seguiti da una apposita consulenza genetica". Tali indicazioni, prosegue la nota di Onb e Sigu "sono state ribadite nel 2009 dalla Commissione ministeriale per la Genetica nel servizio Sanitario Nazionale e nel 2017 nel 'Piano per l'innovazione del sistema sanitario basata sulle scienze omiche'. Il cosiddetto 'test diretto al consumatore' viene ampiamente scoraggiato da tutte le società scientifiche internazionali e negli Usa, dove è stato per  diversi anni proposto al pubblico, la Food and Drug Administration è dovuta intervenire a più riprese per porre un freno a tale pratica. E' dimostrato inoltre, che tali test, in assenza delle corrette informazioni, generano l'attivazione di percorsi di approfondimento diagnostico-clinico, del tutto inappropriati, che ricadono sul Sistema Sanitario Nazionale distogliendo risorse  alle reali esigenze dei cittadini". Per l'Ordine dei Biologi e la società di Genetica Umana: "le affermazioni fatte nell'articolo sono gravissime nella misura in cui non si informano i cittadini che i test genetici ritenuti di effettiva utilità per il paziente sono svolti a carico del SSN, quando prescritti da uno specialista, e vengono eseguiti presso i laboratori di genetica medica autorizzati. Per le motivazioni sopra riportate, l'Ordine Nazionale dei Biologi e il Consiglio Direttivo della SIGU ritengono doveroso segnalare al Ministero della Salute, alle Autorità competenti e ai cittadini le gravi irregolarità evidenziabili nelle pratiche analitiche proposte da Assofarm in quanto le farmacie non hanno titolo per raccogliere campioni destinati a test genetici fuori dai percorsi delineati chiaramente dal Ministero della Salute".