Breaking News

Coronavirus: 3.296 positivi e 148 vittime. 1 ogni 25 infetti muore? Il link per seguire in Real Time!

Coronavirus
Non basta Mattarella a rendere più sicura l'Italia! Il Coronavirus arriva a 197 vittime su 4636 infettati, e nonostante le rassicurazioni del Presidente della Repubblica e, nei giorni precedenti, le continue apparizioni tv di Giuseppe Conte, l'emergenza continua, con il numero di casi accertati di virus e soprattutto di morti, sempre più crescente. I numeri dicono che 1 su ogni 25 infetti muore, ovvero il 4% circa dei casi accertati. E solo ieri sono morte 49 persone!

Si sente spesso dire in giro che il Coronavirus è un "normale virus", ma allora ci si chiede per quale motivo tante misure di sicurezza. Si sente dire inoltre che i morti sono tutti anziani con situazione di salute pregresse già compromesse e che gli over 65 dovrebbero restare in casa in via precauzionale.
Ma che differenza esiste tra un 65-enne ed un 64-enne? Ed è giusto "minimizzare" le cose affermando che l'età media delle vittime è di 80 anni circa? È normale che gli anziani colpiti dal virus debbano morire? 

Inoltre, ciò che lascia perplessi, è che dopo l'enorme polverone iniziale, alzato dai media, c'è stato un abbassamento dei toni, da parte di tg e trasmissioni televisive, ma le misure di sicurezza sono sempre più crescenti! Scuole ed università sono ormai chiuse per Decreto, ed il resto del paese è in ginocchio sia economicamente che emotivamente.

Anche gli interventi degli infettivologi non lasciano ben sperare, sia per la salute pubblica che per l'economia. Per Moody's l'Italia è già in recessione. Ma cosa accadrà se entro le prossime due settimane non vi sarà una inversione di tendenza nelle statistiche? 

Intanto, un primo caso compare anche in Vaticano e si sta valutando l'Angelus solo in video. 
Questa mattina, inoltre, sono stati temporaneamente sospesi tutti i servizi ambulatoriali della Direzione Sanità e Igiene dello Stato della Città del Vaticano per poter sanificare gli ambienti a seguito di una positività al Covid-19 riscontrata in un paziente. Rimane però in funzione il presidio di Pronto Soccorso. La Direzione Sanità e Igiene sta provvedendo ad informare le competenti autorità italiane e nel frattempo sono stati avviati i protocolli sanitari previsti". È quanto riferisce il portavoce vaticano Matteo Bruni.

La situazione, nonostante le continue rassicurazioni sulle misure di sicurezza prese, è sempre più allarmante. Ed a nulla serve il "contentino" sui guariti (solo 523), in quanto tra vittime e soggetti gravi in terapia intensiva, i numeri sono davvero preoccupanti.

Di seguito il link del Ministero della Salute per seguire in tempo reale il numero di casi e di vittime da Coronavirus: http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus